La scuola che vorrei: i progetti dei bambini

Sono passate due settimane dall’incontro in classe con i bambini della classe seconda delle Gabelli, quel giorno ci eravamo salutati lasciando il compito di immaginare, progettare e disegnare la loro scuola ideale. Una scuola con… quante aule? un giardino? una palestra? i muri colorati? …

I bambini sono stati bravissimi e hanno lavorato come dei veri architetti ai loro progetti: ci hanno consegnato delle relazioni scritte molto dettagliate assieme a dei disegni colorati e precisi.

La palestra della scuola, che avrà il “pavimento azzurro e viola anche per la ginnastica”, sarà ricca di attrezzi per tutti gli sport e sarà vicina al parco giochi (attenti alle navicelle fantasma e ai passaggi segreti!) e al parco degli animali dove troveranno ospitalità pecorelle, le mucche con i vitellini, gufi, cani e scoiattoli ma anche le api e le loro casette.

La scuola avrà tante aule dove sarà possibile spostarsi usando i pattini, sedersi in tavoli elettronici e scrivere sui tablet. Le aule avranno grandi finestre, lampade dalle luci colorate e cuscini per terra dove stendersi per leggere e riposare. Ci saranno anche scaffali per i libri e per i vasi delle piante, non mancheranno i bidoncini per la raccolta differenziata. La maestra avrà a disposizione un pulsante magico rosso: quando maestra e bambini saranno stanchi premendo il pulsante la classe si trasformerà in una giungla!

Ci sarà anche un’aula di musica dove mettere tutti gli strumenti musicali assieme allo stereo e a tanti microfoni. I bambini hanno pensato che la loro scuola dovrà avere anche un bel teatro con tante poltrone, gli spogliatoi, l’impianto stereo, i computer dove scrivere i copioni e una stanza dove creare magnifici costumi per gli spettacoli, ce ne sarà almeno uno a settimana! Hanno anche precisato che le maestre di teatro dovrenno essere giovani e divertenti! La biblioteca della scuola avrà molti scaffali e ogni classe avrà i suoi libri, ci saranno computer e tavoli per scrivere ma anche un angolo relax per fare merenda e bere una cioccolata calda.

E a mezzogiorno!? Tutti in mensa! Cuochi professionisti prepareranno i piatti preferiti dei bambini: pizza, pollo patatine e cibo cinese e brasiliano, oltre a della ottima cucina italiana. Anche andare in bagno sarà divertente… si potrà ascoltare la musica e se in classe ci si annoia al bagno si potrà guardare anche un po’ di televisione.

Dopo tanto studiare e scrivere ci vuole un po’ di relax: orto e giardino sono fornitissimi di piante, fiori, scivoli, panchine, altalene e tanti giochi e un’area relax accoglierà, oltre ai bambini, anche i loro genitori con i fratellini e le sorelline, zii, nonni, bidelle, maestre e anche gli operai e impiegati comunali, oltre che alla preside e alle esperte che fanno i laboratori!

 

E’ stato veramente emozionante e divertente ascoltare i racconti appassionati dei bambini! Oggi per loro c’è stata anche una sorpresa… a fine attività sono venute a trovarci anche l’Assessore Valentina Tomasi con la sua bravissima assistente Federica e la preside Lucia Savina e i bimbi, da bravi architetti progettisti, hanno esposto tutte le loro idee e secondo noi l’Assessore ha preso qualche appunto da portare direttamente al Sindaco Massaro!

Dopo aver costruito “La Belluno che vorrei” e “La scuola che vorrei” siamo pronte per le prossime sfide e anche quest’anno un grande grazie lo vogliamo rivolgere ai bimbi che hanno lavorato con noi dandoci molti spunti di riflessione, alle brave e gentili maestre Barbara e Sandra e all’Assessore Tomasi e all’amministrazione comunale che crede nei progetti nelle scuole e nel nostro lavoro!

Paola, Valentina, Marta

Lascia un commento