Mussoi: iniziamo a progettare

E con l’incontro di oggi con la classe seconda di Mussoi, abbiamo concluso la prima parte di progettazione della nostra #bellunochevorrei! Con l’aiuto di Carmela e Mauro, giornalisti per un giorno, e Sophia e Francesco,  aiutanti fotografi, vi raccontiamo come è andata.

Ripassiamo: che cos’è l’urbanistica?

Per cominciare il cartellone per ripassare quello che ci ha spiegato l’Assessore Frison durante l’incontro in sala Bianchi. Abbiamo visto che la parte più antica di una città si chiama centro storico e che invece

 “Giazzoi, Tisoi, Mussoi sono delle frazioni. Abbiamo costruito una casa con il corpo e abbiamo ottenuto per questo un punto!I fotografi ci hanno fatto delle foto.”

Durante il gioco abbiamo poi ripetuto quanto sia importante fare un progetto prima di costruire e fare attenzione a com’è il territorio per rispettarne le caratteristiche. Abbiamo ripetuto quali servizi importanti devono esserci in una città e quanti tipi di case diverse esistono (appartamenti, villette, grattacieli, palafitte, capanne, baite…). Alla fine del gioco abbiamo scoperto l’immagine che si nascondeva sotto il cartellone e ripetuto tutti assieme che

“l’urbanistica è un insieme di regole per avere una città che sia sicura, sana e bella!”

Il Piano Regolatore della Belluno che vorrei

Abbiamo aggiunto anche noi alcuni punti al Piano Regolatore della Belluno che vorrei:

  • L’area con l’ospedale, la clinica degli animali, la polizia e i pompieri avrà strade larghe che vanno direttamente sulla via principale per permettere ai mezzi di uscire in fretta
  • Le strade della città saranno di diversi tipi: in centro storico useremo i sanpietrini di tanti colori; per collegare il parco e la fattoria faremo invece strade di ghiaia; le altre strade della città saranno invece d’asfalto (ci sarebbe piaciuta anche la gomma piuma così nessuno si sarebbe più fatto male, ma abbiamo pensato poi che sarebbe stata anche un po’ scomoda!)
  • Il polo scolastico avrà aule grandi, con grandi finestre ad arco per far entrare tanta luce. Nel cortile della scuola ci saranno giochi gonfiabili, una sabbiera, altalena, scivolo e anche un orto e un giardino per piantare e far crescere le nostre piante
Filed Under: Senza categoria

Lascia un commento